AGGIORNAMENTI

News

Nuova legge in Qatar per la protezione della lingua araba: l'utilizzo del marchio su insegne e pubblicità locali

Obbligatoria nel Paese l'esposizione della versione traslitterata in lingua araba del marchio di impresa 1 ottobre 2020

Il Qatar si appresta a vivere un periodo di grande visibilità nei prossimi anni e rappresenta un'interessante opportunità di business per molte imprese italiane e internazionali. Tra gli altri, il Paese sarà il palcoscenico della coppa del mondo di calcio nel 2022.

Nonostante questa grande apertura che si appresterà a vivere nel futuro prossimo il Qatar, il Paese ha di recente emanato una legge che mira a proteggere l'identità culturale della nazione tramite la promozione della lingua araba.

L'ambito di applicazione di questa legge non è collegato esclusivamente agli enti governativi e alle istituzioni pubbliche del Qatar, rispetto ai quali si vuole evitare l'uso di dialetti non ufficiali, ma si rivolge altresì alle imprese private che operano su questo territorio.

Nello specifico – per quanto riguarda i marchi e le denominazioni sociali – l'articolo 10 della legge No. 7/2019 stabilisce che tutti i marchi e company name delle imprese private devono anche essere esposti nella loro versione traslitterata in lingua araba quando utilizzati su insegne, pubblicità, brochure e social media. Si noti che questa legge non è diretta a modificare l'iter di registrazione dei marchi (non verranno infatti imposti nuovi depositi d'Ufficio) ma solo le modalità di utilizzo in concreto degli stessi.

Precisiamo che questa disposizione non esclude la possibilità di utilizzare il marchio nella versione in caratteri latini, ma ciò dovrebbe avvenire a condizione che la versione in arabo sia collocata in una posizione prominente e rappresentata in dimensioni più evidenti.

La disposizione è pertanto prevalentemente rivolta alle imprese che hanno un punto vendita in Qatar, ed il cui marchio è chiaramente esposto al pubblico come insegna.

In caso di inottemperanza alle disposizioni appena commentate, è prevista una sanzione pecuniaria pari all'incirca a 12.000 Euro oltre alla rimozione e sequestro della merce ritenuta non conforme.

In buona sostanza, alla luce di questa novità legislativa, è raccomandabile procedere alla registrazione di un marchio nella versione traslitterata in caratteri arabi in Qatar che garantirà, oltre al rispetto della legge in esame, una più ampia e completa tutela locale, atta a impedire a terzi l'uso e la registrazione di marchi identici o molto simili al proprio in caratteri arabi.

Siamo a disposizione dei nostri Clienti per la tutela dei propri marchi in Qatar, nonché per chiarimenti e approfondimenti sul tema.

IP CODE APPS

EU IP Codes 2.0 è la nuova versione della prima applicazione per consultare tutte le normative europee ed italiane sulla proprietà intellettuale da un'unica app.

PARTNERS

Global IP titles management & business services

Digital brand management & internet services

CONNECT WITH US

Follow us

DESK UFFICIALE TRIVENETO

Camera di Commercio Italo - Brasiliana | Câmara de Comércio Ítalo - Brasileira

Ripartiamo insieme
€300.000 per le PMI: richiedi il tuo voucher