案例

案例

Corte di Cassazione,

Ai fini della configurazione del reato di cui all’art. 88 l. inv. (frode brevettuale), il giudice penale deve accertare, in via incidentale, la conformità del brevetto a tutti i requisiti stabiliti dalla legge, formali e sostanziali, qualora la validità della privativa sia contestata dall’imputato, su cui però incombe l’onere della prova, in ragione della presunzione iuris tantum di validità del brevetto medesimo.
L’elemento soggettivo del reato di frode brevettale può essere integrato dal dolo generico nella forma del dolo eventuale, inteso quale rappresentazione, da parte dell’agente (da accertarsi tenuto anche conto delle sue qualità professionali), della concreta possibile esistenza di un altrui valido brevetto, che egli accetta il rischio di violare con la propria condotta.
Perché non costituisca violazione del diritto di esclusiva del titolare e non integri anche il reato di cui all’art. 88 r.d. 1127/39, la sperimentazione su prodotti oggetto di altrui brevetto, prevista dall’art. 1, 3° comma, l. inv. Deve risolversi in attività di ricerca prettamente scientifica (nella specie, la Suprema corte, limitatamente agli effetti civili della sentenza annullata, ha escluso la configurabilità dell’ipotesi di non contraffazione a fronte di mere prove di produzione, consistenti nell’inserimento di un prodotto farmaceutico brevettato, normalmente somministrato in compresse, in speciali capsule di gelatina, idonee a contenere i più svariati principi farmacologici).

IP CODE APPS

EU IP Codes 2.0 is the brand new version of the first application to consult all the European and Italian Regulations on Industrial Property in one app.

OUR PARTNERS

Global IP titles management & business services

Digital brand management & internet services

CONNECT WITH US

Follow us